home-top

Cos'è Intellipal

INTELLIPAL è innanzitutto un’idea di sistema integrato e non un semplice oggetto di imballaggio. Il sistema, frutto di una profonda integrazione tra Information Tecnology e catena produttiva dell’imballaggio terziario, è volto alla tracciabilità ed all‘univocità del pallet alimentare, in un’ ottica di confinamento del singolo bancale ad un solo settore merceologico; il bancale a fini alimentari non può e non deve aver avuto contatto con inquinanti (come da REGOLAMENTO (CE) N. 1935/2004 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 27 ottobre 2004). Il sistema parte quindi dal bisogno di tracciare e rendere riconoscibile il pallet ad uso di logistica alimentare, ed è il frutto di un connubio indissolubile tra gestione della catena produttiva e gestione certificata delle provenienze di ogni singolo bancale rendendo il pallet alimentare sempre riconoscibile, tracciabile ed univoco per uso, fine e proprietà.

Cosa Fa?

Il supporto INTELLIPAL, consultabile via smartphone connesso ad internet ga- rantisce con un interrogazione immediata su server protetto in area dedicata al produttore che la merce trasportata sia originale, proveniente da produttore/re- tailer autorizzato, destinata al compratore previsto. La tecnologia “per step” inoltre permette una conoscenza in tempo reale dei tempi di trasporto, delle modalità di consegna, delle eventuali contestazioni sulla ricezione della merce per differenze tra inviato e scaricato, a mezzo dell’in- tegrazione con gli EAN dei prodotti bancalati.

Perchè?

La tracciabilità del pallet INTELLIPAL, permette che nessun pallet usato per il trasporto di materiali nocivi venga immesso nella catena di trasporto delle società alimentari che si “forniscano” di pallet tracciabili. Questo permette che nessun alimento possa essere trasportato su imballaggi “sporchi” così come previsto dalla normativa Europea. Parimenti nessun pallett prodotto con es- senze “nocive” anche solo per la dimostrata allergicità , può essere usato per il trasporto di alimenti, con notevole diminuzione del rischio di inquinamento degli alimenti. Infine nessun alimento per celiaci o indicato per l’alimentazione di “utenti” soggetti ad allergie specifiche, potrà essere trasportato su pallet preventivamente utilizzati alla veicolazione di alimenti “vietati” dalle patologie dell’utente.